Settore giochi, Toti: chiesto rinvio parere al 7 settembre

Toti ha poi spiegato di essere "soddisfatto perché rispetto al vecchio decreto viene riconosciuta l'importanza dell'autonomia delle Regioni rispetto al testo nazionale, parlo di tutta una serie di criteri, come ad esempio, quelli urbanistici, a parte il dimezzamento delle macchinette voluto dal governo".