Russia-Lega, Pm valutano rogatoria

Non si placa il caso dei presunti fondi russi alla Lega. La Procura di Milano starebbe valutando una rogatoria in Russia per seguire eventuali flussi di denaro nell'ambito dell'indagine per corruzione internazionale in cui è indagato il leghista Gianluca Savoini. Nel frattempo continua la difesa di Salvini che sostiene di non averlo invitato né a Mosca nell'ottobre 2018 né a Villa Madama nell'incontro bilaterale con Putin. Il vicepremier ribadisce di non avere "niente da nascondere" mentre dal Cremlino non si scompongono: "Non abbiamo nulla da commentare".