Omicidio Yara, per Bossetti ergastolo anche in appello

"Quel dna non è mio, non sono io l'assassino", si era intanto difeso Bossetti attraverso dichiarazioni spontanee rese in aula prima che la Corte si ritirasse in camera di consiglio. Ha rivolto un pensiero a Yara, "poteva essere mia figlia, neppure un animale meriterebbe una fine tanto crudele". E poi una promessa ai figli: "Papà uscirà a testa alta dalla porta principale".