Mafia capitale: condanne pesanti, ma cade l'accusa di mafia

La replica del sostituto procuratore Paolo Ielo: "Noi rispettiamo le sentenze sia nella parte in cui ci danno ragione sia in quelle in cui ci dà torto. Leggeremo le motivazioni, se non saremo convinti impugneremo".