La fanciulla del west

Il primo "spaghetti western" della storia dell’opera, con i suoi ampi prati, le montagne scoscese, uno sceriffo col revolver in mano, cercatori d’oro dal grande cuore e briganti disperati, senza contare la ragazza dal cuore puro. La ragazza del West è principalmente un lavoro pieno di vita! Un teatro animato "alla fine del mondo", tra risate e lacrime. La musica sontuosa di Puccini ci trasporta nel cuore di un saloon dove le passioni, ma anche l’umanità, la fratellanza e la compassione trionfano. Nel saloon Polka, i minatori pensano alle loro madri rimaste in Italia e Minnie, dietro il bancone, legge la Bibbia. L’amore si presenterà a lei nelle vesti di un criminale, interpretato qui dal grande Roberto Aronica. Aldilà dell’apparenza, Minnie vedrà il suo cuore gentile e la possibilità di una vita insieme. Il soprano olandese Eva-Maria Westbroek possiede dalla sua un’innegabile presenza fisica e dispone di una potente voce degna di questo nome; attributi che le permettono di difendersi nel bel mezzo di questo mondo di maschi bruti. Questa nuova produzione di Robert Carsen rappresenta un vero gioiello di questa stagione All’Opera.