Fiammetta Borsellino: gli ultimi 25 anni buttati al vento

"Pentiti costruiti a tavolino tra lusinghe e torture - ha spiegato - condannati all'ergastolo ingiustamente ai quali tra l altro io, visto che non l'ha fatto chi lo doveva fare, chiedo pubblicamente scusa, per quello che si può definire uno dei più colossali errori giudiziari. Sicuramente ci sono state gravissime omissioni, errori, anomalie che non sta a me stabilire se sono frutto di colpa, di dolo, di inesperienza, l unica cosa che posso rilevare è che un eccidio come quello di via D Amelio non si meritava magistrati alle prime armi".