Di tutti i colori

Giorgio, bellissimo ragazzo, è una simpatica canaglia, bugiardo e impenitente donnaiolo. Per colpa delle sue bugie e dei suoi tradimenti perde sia la casa che il lavoro. Alla disperata ricerca di un nuovo impiego, finisce a fare un colloquio come addetto alla manutenzione per gli uffici di una nota casa di moda. Per ottenere il posto flirta con Denis, responsabile del personale fingendosi gay e, ottenuto il lavoro, si ritrova costretto a continuare la sua recita. Da quel momento comincia così a sdoppiarsi: di giorno è l'effeminato Giorgy e di sera, quando esce con gli amici, è Giorgio lo sciupafemmine! Poco esperto di lavori manuali, Giorgio combina un pasticcio dietro l’altro, sporcando di pittura il cagnolino Vogue, pupillo dello stilista Vladimiro e mascotte della Maison. Ma per una serie di fortunati eventi il cagnolino colorato diventerà il nuovo testimonial della campagna pubblicitaria della maison, capitanata da Salvo e Oreste, decretando così anche un'inaspettata ascesa di Giorgio all'interno dell'azienda. Il suo destino si intreccerà con quello di Olga, la bella nuova dirigente russa, giunta a Roma da poco, e dell'affascinante Massimo, l'antagonista di Giorgio, l'unico eterosessuale della Maison di moda, disposto a tutto pur di riuscire a conquistare la bella Olga. Olga in realtà, credendo che Giorgio sia gay, spesso si confida con lui, tanto da chiedergli di fingere di essere il suo fidanzato! Ma quando la madre la viene a trovarla dalla Russia, tra i due comincerà a crearsi un’attrazione che non potranno esprimere, timorosi lui di perdere il lavoro, lei, che ha sempre avuto problemi con gli uomini, di innamorarsi di un gay. Massimo, non credendo nella finzione di Giorgio riuscirà a scoprire la sua messinscena, ma proprio quando starà per rivelarla ad Olga, Giorgio stesso decide di fare outing. Dichiara a tutti di non essere gay e di amare Olga. Lei, furiosa per tutte le bugie che le ha detto, lo licenzia in tronco e non vuole mai più vederlo. Giorgio a quel punto sarà costretto a rincorrerla fino in