Demand, Kluge e Viebrock: l'arte di perdersi ancora a Venezia

La barca, per riprendere la metafora del titolo, ha una falla, ma restano pochi dubbi sul fatto che questa falla abbia un suo valore, una sua importanza e un suo mistero, in buona parte insolubile. Ma, come hanno scritto Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, attraverso i tre diversi linguaggi di Kluge, Viebrock e Demand si vuole provare a raccontare "una nuova storia". Che si compone grazie alla presenza di ciascun visitatore, intorno al grande miraggio di naufragi - allegria, avrebbe detto Ungaretti - che tutti quotidianamente sperimentiamo.